3 regole per un turismo responsabile

Agosto per molti è il mese delle ferie. Le fabbriche chiudono, le città si svuotano e ci troviamo spesso incolonnati verso mete di villeggiatura. Benchè alle volte la vita ci costringa a scelte mainstream, possiamo con i nostri comportamenti fare la differenza e portare anche nella vacanza lo spirito alternativo che ci contraddistingue.

Ecco allora una lista di tre consigli per rendere davvero solidale il vostro viaggio

Regola nr1 : Fotografate con prudenza

Nei nostri viaggi capita di vedere mete esotiche meravigliose, paesaggi mozzafiato o edifici maestosi. Fino a qui niente di strano. Il problema ce lo abbiamo soprattutto quando incontriamo gli abitanti di un luogo. La foggia di un cappello ci sembra particolarmente buffa oppure il modo eccentrico che hanno di vestire. Prima di fotografare è buona norma chiedere se la persona ha voglia di essere fotografata. Questa può essere una bella occasione per fare qualche domanda sul posto e scambiare due parole.

Appena tornate, stampare una decina di foto della vostra vacanza. permetterà loro di sopravvivere all’obsolescenza della tecnologia. Per la conservazione, nella nostra bottega a Imola potete trovare bellissimi album fotografici.

Regola nr 2: incentiva l’economia locale

Il settore del turismo può essere un ottimo motore per l’economia di un paese. Per fare sì che ciò avvenga meglio che il denaro che spendiamo per pernotti, cene e ed esperienze come camminate a cavallo o una uscita di trekking possano portare contate nell’economia locale e non essere catalizzati nelle mani di agenzie o  imprese turistiche estere.

Se l’idea del turista fai da te sembra  una opzione troppo estrema, specialmente all’estero, ci sono agenzie interessanti a questo proposito, come  Viaggi solidali oppure Viaggi e Miraggi

Per chi rimane in italia e si accontenta di un semplice week end fuori porta, in bottega potete trovare le EquoTube, una gitf box per soggiorni e turismo enogastronomico dove si privilegiano strutture ricettive atttente all’ambiente, ai prodotti tipici e biologici e all’autenticità del territorio.. Se vi incuriosice la trovate in bottega in centro a Imola, a pochi passi dall’orologio

Regola nr 3: Conosci il posto che vai a visitare

Una vacanza all’insegna del relax non è in contraddizione con una bella esperienza formativa, Prima di partire ci si può informare sugli usi del posto, sulla cultura e magari imparare qualche parola nella lingua del posto.  In questo modo si eviteranno comportamenti sgraditi o gesti che, non intenzionalmente, potrebbero offendere le persone. Ad esempio, se si desidera visitare un luogo di culto, meglio accertarsi di avere un abbigliamento consono all’occasione. A volte basta un semplice foulard a portata di mano per scongiurare imbarazzi ( a proposito avete visto le stole di Oxfam in sari riciclato?)

E tu? Quali regole ti sei dato per rendere il tuo turismo responsabile? Scrivilo nei commenti

Photo by Milada Vigerova on Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *