La cena Nutraceutica

Giovedì 24 settembre torna in occasione del festival Rivestiti anche la cena nutraceutica che in passato ha riscosso grande successo. Merito delle indicazioni dottoressa Paola Bongiovanni biologa nutrizionista e dello staff del ristorante le Bistrot

Il filo che unisce la moda e la cucina

Lo slogan “Rivestiti” ci richiama alla necessità che una sostenibilità ambientale dovrà
necessariamente passare da un cambio d’abito. Vestirsi è una necessità, ma è anche
cultura, arte, comunicazione, alimentazione e piacere nel nutrirsi.

Solo favorendo l’incontro tra consumatori consapevoli e produttori dell’economia solidale
possiamo unire qualità e giustizia sociale e indossare abiti o preparare piatti che
tra le materie prime hanno il rispetto di lavoratori e lavoratrici.

La nutraceutica è un neologismo derivante dall’unione tra nutrizione e farmaceutica. I
nutraceutici sono tutte quelle sostanze naturali che l’industria farmaceutica utilizza per
produrre integratori a partire dai principi attivi degli alimenti.
Preparare correttamente cibi di qualità senza perdita di principi attivi in cucina,
consente di ottenere già ottimi nutraceutici da un qualsiasi piatto del nostro menù
quotidiano!

Cosa fare per partecipare alla cena

È necessaria la prenotazione telefonando a le Bistrot tel 0542 672122 (chiuso il lunedì e
martedì) oppure Associazione San Cassiano tel 0542 27129 (aperto tutte le mattine
dalle 8,30 alle 12,30).
Rispettare il distanziamento fisico e indossare la mascherina secondo le normative
vigenti per prevenire la diffusione del Covid-19.


Il menù della cena

  • Aperitivo di benvenuto servito al tavolo con crudités di verdure e centrifugato di mango (bio equo e solidale) carote, limoni e mele (azienda euergap Folli Renato)
  • Crema di cicerchie bio (Libera Terra) e lenticchie rosse decorticate (Libano) al profumo di rosmarino con polpettine di ceci bio (Libera Terra), guarnita con coriandoli di zucca (azienda eurepgap Folli Renato)
  • Cappelletti di rapa rossa con farina bio di farro e senatore Cappelli (azienda bio Zecchinelli) conditi con burro bio e semi di chia bio (Perù)
  • Gazpacho di pomodoro bio (Solidale Italiano) con tagliatelle di seppia al vapore e bruschettina di pane alla curcuma (Sry lanka) condita con olio EVO bio (Solidale Italiano)
  • Biancomangiare al latte di cocco bio (Tailandia) con frutta secca bio (Amazzonia), guarniti con ananas (Tailandia) e banane bio (Perù) caramellate con zucchero di canna bio (Filippine)

Al tavolo troverete un sacchettino con focaccia di farina integrale bio (Azienda bio Zecchinelli) allo za’atar (Palestina) e cèckers alla canapa, curcuma e olio di oliva EVO (Solidale Italiano).

Costo della cena € 30,00 a persona bevande incluse (che potrete scegliere fra quelle del commercio equo: birra agricola, vino Cento Passi Libera Terra e acqua e caff è equo e solidale)

Rivestiti Imola

Dopo l’esperienza della edizione on line, si torna con un evento locale. Sabato 19 settembre dalle 15.30 manteniamo viva l’attenzione sulla moda etica con Rivestiti Imola, la moda di fare un’altra economia.

Un laboratorio e un intervento saranno l’accasione per chiedeci qual è filiera dei nostri abiti, se sono pensati per durare nel tempo e quali sono le conseguenze di un ricambio molto frequente dei nostri armadi.

Il ritrovo è di fronte alla bottega Giusto Scambio in via Mazzini 12, dove sfrutteremo gli spazi all’aperto per rispettare il distanziamento fisico necessario

Programma

15.30 Laboratorio AgoFilo&Fantasia a cura di Associazione San Cassiano

Allena la manualità per donare nuova vita ai tuoi capi. Ago, filo, scampoli di stoffa e vecchi bottoni: porta quello che hai ma che ti dispiace buttare. Con l’aiuto di Simona e Maria Pia scoprirai come riciclare con creatività.

Laboratorio su prenotazione – massimo 8 posti ( tel.370 3355896.)

La partecipazione è gratuita

17.00 Meridiano361 racconta la bigiotteria in alluminio riciclato

La lavorazione dell’alluminio in Madagascar è una tradizione che risale ai primi del ‘900. Quando il mercato locale è stato invaso da pentolame importato dalla Cina, la produzione locale ha avuto un crollo. Elsa e Sofia ci del loro progetto di recupero dell’alluminio e di artigiani convertiti all’economia circolare per realizzare bigiotteria.A seguire Aperitivo Solidale offerto dall’Associazione San Cassiano.

Nel rispetto delle normative per prevenire la diffusione del Covid-19, ti chiediamo di rispettare il distanziamento fisico e di indossare la mascherina

Evento realizzato con il contributo della Regione Emilia Romagna LR 26/2009

contatti

info@giustoscambioimola.it WhatsApp tel.370 3355896

La spesa la faccio nei mercati

Con l’arrivo di settembre riprendiamo il nostro impegno nei mercati locali di Imola perchè sono espressione di una economia connessa e complementare a quella del commercio equo e solidale

I mercatini a cui aderiamo

Come impegno regolare, da settembre a giugno, ogni anno partecipiamo a due mercati locali che sosteniamo da molti anni:

  • Il Mercolbio, tutti i mercoledì dalle 15.30 alle 19.00 al Centro sociale La stalla (via Serraglio 20b, Imola)
  • Il Mercato della Terra di Imola, tutti i venerdì dalle 16.00 alle 19.00 al mercato coperto (via Rivalta, Imola)

Aderire a questa iniziativa ci richiede molto impegno: serve cercare altri volontari rispetto a quelli che sono in bottega e inoltre c’è bisogno di andare a Bologna a ritirare la frutta.

Però ne vale la pena perchè le banane, gli avocado, lo zenzero e i limoni che vendiamo oltre ad essere buonissime e con tanto di certificato biologico sono prodotte in una filiera che tutela e difende i lavoratori e riconosce il giusto compenso.

Non si vive di solo commercio equo e solidale

Scegliere cosa mettere nel piatto fra gli scaffali del supermercato è una cosa molto difficile. È difficile destreggiarsi tra a etichette e confezioni di plastica, e spesso indugiamo troppo su cibi poco salutari a basso costo.

Per questo motivo sosteniamo l’agricoltura locale e i piccoli produttori:

  • favoriamo un’economia che sostiene loro prima delle grandi aziende
  • hanno a cuore la terra che lavorano perché è la stessa in cui vivono
  • evitiamo l’inutile traffico di merci che si trovano già qui.

Per tutto quello che invece arriva da lontano, c’è il commercio equo e solidale, che garantisce il rispetto dei diritti dei lavoratori e dell’ambiente in cui vivono.

Se non vuoi perderti nemmeno un mercato, dai un’occhiata al calendario: ci sono segnati tutti i nostri appuntamenti.

Ti va uno snack pieno di energia?

Per spezzare a fame, chi non porta in borsa uno spuntino? Uno snack salato oppure una merendina confezionata. I più salutisti ci provano con un frutto, ma spesso è poco pratico.

Abbiamo una soluzione: ottima frutta secca, buona anche perchè arriva da una agricoltura che rispetta le persone e tutela la biodiversità.

Ma ci sono tantissimi prodotti!

Eh sì l’assortimento è davvero ampio.

Sei più per la frutta esotica? Ecco per te banane chips, i datteri medjoul (davvero non hai mai provato i datteri Medijoul? Cosa aspetti? sono i migliori), l’ananas essiccato, l’uva passa e lo zenzero candito.

Preferisci qualcosa da sgranocchiare? Buttati sugli anacardi, le arachidi, le noci dell’Amazonia e le mandorle di sicilia.

Per assaggiare un po’ di tutto invece ci sono i mix di frutta secca assortita e i mix di semi e granella di anacardi.

Ecco la promozione che aspettavi

Se questo elenco ti ha messo l’acquolina in bocca, ho una buona notiza

A partire dal giovedì 27 agosto fino a sabato 12 settembre avremo una promozione in bottega sulla frutta secca Altromercato.

Acquista 3 confezioni di frutta secca e avrai uno sconto del 15%

La promozione è valida solo in bottega, per cui ti aspettiamo a Imola in via Mazzini 12


Foto di copertina di Peter Feghali su Unsplash

Torna il Mercatino dei Cappuccini

Sembrava che le restrizioni da Covid potessero annullare questa iniziativa. Il mercatino dei cappuccini è diventato ormai un appuntamento estivo arcinoto e sarebbe stato un peccato perderlo.

I volontari del progetto si sono dati da fare e hanno organizzato a tempo di record una iniziativa a prova di normative e tac, dal 24 al 29 agosto sono pronti per accogliere tutti i visitatori negli spazi del giardino del convento. L’ingresso sarà da via Fontanelle 4/A.

Una edizione concentrata

L’edizione 2020 sarà una edizione super-concentrata. Anzichè distribuire le aperture nei pomeriggi di due settimane, sarà aperta tutto il giorno con questi orari

  • lunedì 24 agosto ore 15-19
  • da martedì 25 a sabato 29: ore 10-12 e 15-19
  • giovedì grande apertura fino a mezzanotte con “Mercatino in musica”: interventi dei medici volontari delle missioni, piadina e jazz a fare compagnia.

Ai visitatori è chiesta ovviamente massima responsabilità. Ci saranno degli spazi ampi per visitare il mercatino, bisognerà igienizzare le mani all’ingresso e indossare la mascherina. Ma ormai sappiamo come si fa.

Perchè ci piace questo progetto

Da anni partecipiamo come stand con i nostri volontari al mercatino dei cappuccini. Anche per questa edizione saremo presenti con le bibite fresche, i prodotti alimentari e gli snack per rifocillarvi mentre girovagate per acquisti.

Crediamo in questo progetto per almeno tre motivi

  • È una iniziativa che promuove il recupero e il riutilizzo di articoli in ottimo stato, evitando la discarica e la produzione di un oggetto nuovo
  • È una iniziativa che ha uno sguardo ampio, perché nasce come raccolta fondi per progetti socio-educativi ad Adis Abeba
  • É una iniziativa che apre gli occhi alla comunità, genera occasioni di incontro e di scambio e la possibilità di scoprire com’è la vita in altri contesti.

Per noi sarà uno sforzo importante partecipare a questa manifestazione, perché avremo anche la bottega aperta in centro, con gli ultimi articoli in saldo, la cosmesi e tutto quello che non riusciamo a portare durante i mercatini itineranti per questioni di spazio.

Ma non possiamo mancare quando si tratta di condividere con altri associazioni iniziative che hanno i nostri stessi ideali.

Quando qualcuno parla di noi

Questa è la settimana di ferragosto, per cui abbiamo cercato un tema leggero di cui parlare e che ci dà speranza,

Qualche mese fa sono passati a conoscerci e ad intervistarci i ragazzi scout di Imola. Hanno realizzato un bellissimo reportage per capire che cosa sia il consumo critico e come si può applicarlo sostenendo attività del territorio. Ringraziamo Eugenio Tampieri e il gruppo degli educatori per avere incluso anche noi nella loro indagine.

Il risultato di questo interessante percorso lo trovate qui.

Buona visione

Bigiotteria: che valore le dai?

Che cosa ti fa pensare la parola bigiotteria? La associ a paccottiglia di poco valore? Oppure a qualcosa che è economico e quindi per le tue tasche?

Sono strane le parole, perché spesso nascondono un significato a seconda della direzione in cui le guardi. La direzione che non dovrebbe mai mancare è quella del rispetto della persona e delle condizioni di lavoro.

Accessori da spiaggia

L’estate è per eccellenza il tempo degli acquisti leggeri, della voglia di spiaggia e spensieratezza. È bello entrare in questi negozi di accessori per indossare qualcosa di nuovo. Orecchini, collane, bracciali, borse e chi più ne ha più ne metta. I prezzi sono bassissimi, e il materiale prevalente è la plastica.

Ciondolo in corno rivestito di tesuto wax

Come sono stati fatti quei prodotti? In che condizioni li hanno realizzati? È possibile retribuire bene una persona pagando 5 euro un paio di orecchini?

Sono domande a cui difficilmente è possibile dare una risposta positiva. A peggiorare la situazione, è il pensiero che siano espressione di una moda fugace, qualcosa che adesso ci piace e domani chissà. E quando non piace si può buttare via, senza rimpianto che tanto non è costato un granché.

Non fa bene a nessuno

Possiamo invertire la rotta, possiamo spezzare questo comportamento che non fa bene a nessuno:

Orecchini in alluminio riciclato importati da Meridiano 361
  • Non fa bene a noi, che compriamo compulsivamente per cercare una gratificazione
  • non fa bene a chi viene sottopagato e sfruttato per produrre bigiotteria
  • non fa bene all’ambiente, che viene privato di risorse ed energia per produrre materiale destinato alla discarica

La bigiotteria che invece abbiamo selezionato in bottega, come quella di Meridiano 361, I was a sari o Altromercato, sono invece l’occasione giusta per esprimere una nuova moda

  • Sono realizzati garantendo salari dignitosi e fornendo condizioni di lavoro a persone fragili
  • Sono realizzati partendo da materie prime naturali, di riciclo o di recupero
  • sono collezioni senza tempo, che non si esauriscono in una stagione.

Per sapere di più di questi prodotti ecco qui il video dell’intervista fatta a Meridiano 361 durante l’edizione online di Terra Equa. Sentire dalla loro viva voce il racconto di come vengono realizzati orecchini e bracciali in alluminio riciclato è emozionante: c’è una vibrazione che trasmette l’entusiasmo e la gioia che si nascondono dietro al progetto.

Ti aspettiamo in bottega per mostrati tutta la nostra bigiotteria e ricordati che fino a fine mese la trovi in saldo con sconti del 20%.


Foto di copertina di Samuel Sianipar su Unsplash

Stiamo all’aperto

Quest’anno più che mai è esplosa la voglia di passare del tempo all’aria aperta. Stiamo riscoprendo luoghi vicini a noi tra esercizi all’aria aperta d escursioni in appennino. Molti poi si danno al giardinaggio, specialmente chi ha bambini e vuole distrarli facendo mettere l mani in pasta.

Ecco una selezione di prodotti in gomma naturale che ha importato la cooperativa Vagamondi e che sembrano dire “dai, stiamo fuori ancora un po’”

  • I guanti da giardino (nelle taglie S e M)
  • Lo spago da giardino
  • La fitness band
  • gli zerbini in gomma e corda di cocco
  • I palloncini (che abbiamo portato in bottega prima di fare la foto! mannaggia)

(Certo, la linea completa prevede anche i guanti da cucina e la borsa di acqua calda, ma queste ve le proponiamo fra due o tre mesi)

La cooperativa Vagamondi opera in Sri Lanka dal 2006 con il progetto Aralya nella lavorazione della corda di cocco per i tappeti. Hanno affiancato e integrato anche la lavorazione della gomma naturale o cauciù con un piccolo produttore della zona

Il cauciù viene estratto dalla corteccia degli alberi secondo un procedimento che ne incide la corteccia senza danneggiare l’albero. È un materiale vivo che a fine ciclo è completamente biodegradabile. Il procedimento utilizzato consente ad Aralya la certificazione della Fair Rubber Association: E’ un’associazione fondata nel 2012 che raduna gli agricoltori degli “alberi da gomma” e rappresentanti della società civile che producono articoli in gomma naturale

Con lo stesso progetto inoltre abbiamo anche le mini-fioriere: vasetti in fibra di cocco con i semi già concimati, pronti per essere piantati. Fanno parte dello stesso progetto della carta in cacca di elefante. Ci sono i vasi con i fiori di peperoncino, di Luffa, di girasole, di camomilla e di millefiori.

Insomma, non ci sono più scuse per passare un po’ di tempo all’aria aperta e se avete il problema delle zanzare, abbiamo anche lo spray anti-zanzare di Altromercato

Foto di copertina di NeONBRAND on Unsplash


Servono le maniere folli.

Con questo invito ad uscire dagli schemi, scivoliamo verso la metà di luglio.

Per alcuni è già vacanza, per altri meglio di no. Noi intanto abbiamo riassortito la bottega con alcuni prodotti top dell’estate, come ad esempio

  • i solari La saponaria, (grandissima new entry)
  • i ventagli dall’Indonesia (ve li ricordate?)
  • le magliette in cotone
  • i sandali della Palestina

A proposito di sandali della Palestina, abbiamo partecipato all’edizione Online di Rivestiti – La moda di fare un’latra economia. Ne abbiamo approfittato per fare una breve intervista a Serena Baldini e Gianluca Bozzia, rispettivamente di Vento di Terre e Nazca Mondoalegre.

Ci hanno raccontato meglio il progetto dietro a questi sandali, la complessità della situazione palestinese e un interessante sviluppo per il futuro.

Ti aspettiamo in bottega per conoscere tutti i modelli dei sandali Peace Steps.

Promozione Sete di Cambiamento

È partita qualche giorno fa la campagna promozionale di Altromercato per fare conoscere le bibite, i succhi e i vini distribuiti dalla più importante centrale di commercio equo in Italia.

La nostra sete non finisce bevendo un bicchiere di birra o un calice di prosecco.
La nostra è una sete che una bevanda normale non può appagare.
È sete di giustizia, di uguaglianza e di futuro.

Hai la nostra stessa sete di cambiamento? C’è un solo modo per fermarla: bevi bevande buone per tutti!

Altromercato

Come funziona

La promozione è valida solo in bottega dal 2 al 19 luglio.

Ogni 6 bevande a scelta tra quelle che aderiscono alla promozione ricevuti uno sconto del 20%. Puoi scegliere qualsiasi bevanda, non serve prendere più bottiglie della stessa. Potrebbe essere l’occasione per fare scorta delle tue bibite preferite oppure per assaggiarle tutte.

Quali bevande sono in promozione?

Nella nostra bottega in via Mazzini 12 a Imola abbiamo riassorito le bevande che aderiscono alla promozione e potete trovare:

  • La birra agricola La Morosina da 750ml (Bionda, Rossa, Weizen)
  • Le birre Red ale, la birra rossa artigianale senza glutine
  • Il prosecco Perlage
  • Il vino Centopassi, bianco e rosso di Libera Terra ( a proposito, conoscete il presidio di Imola? I ragazzi sono in gamba e fanno tante iniziative)

Non solo alcolici, ma anche bevande e bibite

  • Il gingerito
  • Il guaranito
  • La mole-cola, la nuova cola 100% italiana, nei formati classica, senza zucchero, senza caffeina o con zucchero di canna Faitrade
  • Il tea break, il classico te estivo da bere freddo ai gusti te verde, mate e maaracuja o roibos e lime
  • Il netta di mirtillo e il nettare ai frutti di bosco

Ti aspettiamo in bottega in Via Mazzini tutti i giorni dalle 9 alle 13, mercoledì e venerdì anche dalle 15.30 alle 19.
Apertura straordinaria mercoledì 15 luglio dalle 20 alle 23 per Imola di Mercoledì.